Sicurezza in casa- La cucina

January 26, 2019

 


La cucina è uno degli ambienti più frequentati dai bambini, sia perché è il posto dove viene fatta la pappa sia perché spesso la mamma per riuscire a preparare da mangiare deve tenere in cucina con se il figlio. La cucina permette anche di avere degli spunti a livello educativo e di gioco per intrattenere il bambino. È però al tempo stesso un ambiente pieno di pericoli: spigoli, detersivi, fuoco, coltelli e altri elementi nocivi.

Per questo motivo è importante renderla sicura.

 

Prima della pappa :

- Gli impianti a gas ed elettrici dovrebbero essere a norma e correttamente sottoposti a manutenzione.
- Mai allontanarsi quando i fornelli sono accesi e mai cucinare con il bambino in braccio.
- Insegnare ai bambini che i fornelli o tutti i tipi di fiamme libere sono pericolose e che non si devono avvicinare.
- Utilizzare fornelli con la valvola di sicurezza che impedisce la fuoriuscita del gas. I rilevatori di incendio e di gas possono essere molto utili. Se possibile anche un estintore in casa (che venga regolarmente sostituito alla scadenza) può essere prezioso in quanto impedisce il divamparsi di incendi.
- Fare attenzione alle superfici che portano alte temperature come il forno. Esistono materiali isolanti che permettono di mantenere bassi i valori delle temperature proprio per evitare scottature ai bambini.
- Tenere sempre lontano dai fornelli sostanze o tessuti infiammabili (per esempio l’acrilico).
- Le pentole è meglio collocarle sui fornelli posteriori che sono meno accessibili con il manico orientato verso il lato interno del fornello e mai verso quello esterno. Per i fornelli anteriori esistono delle barriere di protezione.


Durante la pappa:
- Prima di dare un alimento al bambino (che sia latte, pasta o altro) controllatene sempre la temperatura facendo cadere qualche goccia sul dorso della mano.
- Anche se il bambino è legato al seggiolone non lasciatelo mai solo per evitare che, per esempio, tiri la tovaglia e si rovesci addosso cibo caldo o le stoviglie, che riesca a togliersi le cinture e cadere giù dal seggiolone o che faccia cadere il seggiolone. Inoltre il seggiolone deve essere poggiato su di una superfice ampia e stabile.


TUTTO CIO CHE PUO’ ESSERE PERICOLOSO IN CUCINA:
- Accendi-sigari o accendini vanno tenuti fuori dalla portata dei bambini e in luoghi a loro non accessibili.
- Le sostanze tossiche e nocive (detersivi, brillantante, varichina ecc) vanno conservate in luoghi dove il bambino non può arrivare e comunque se si trovano in basso chiudere con il lucchetto l’armadietto in cui si trovano.
- Le sostanze alcoliche non vanno lasciate incustodite o alla portata dei bambini.
- Le sostanze tossiche e nocive non vanno mai travasate in contenitori diversi da quelli originali e soprattutto in contenitori che normalmente contengono sostanze alimentari (per esempio le bottigliette di acqua). L’ingestione accidentale di sostanze nocive può trasformarsi in un incubo. Purtroppo l’ingestione di prodotti di uso domestico è la via di esposizione più frequente e anche dal punto di vista tossicologico la più pericolosa.
- Gli armadietti dove vengono riposte pentole, padelle o stoviglie vanno chiusi bene con gli appositi ganci che si trovano in commercio per bloccare gli sportelli.
- Soprattutto i coltelli, le forbici e tutti gli oggetti taglienti vanno custoditi in posti non accessibili e ben chiusi.
- Gli alimenti con un piccolo diametro (ceci, piselli, pasta, caramelle) che potrebbero essere accidentalmente inalati vanno tenuti fuori dalla portata dei bambini.

 

Come per ogni ambiente della casa la sicurezza è la prima cosa a cui fare attenzione e soprattutto la più importante. Non va trascurata, non bisogna avere fretta e non bisogna pensare “tanto a me non succede”.   

Please reload

Recent Posts

Please reload

Archive

Please reload

Tags

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

 
  • Facebook

+39 331 304 7805

via Lorenzo il Magnifico 42 Rome Italy 00162

©2017 by Dottoressa Xenia Sakoff. Proudly created with Wix.com