Esiste la crisi da centro estivo?

 

 

Le scuole sono finite, ma può capitare, per motivi di lavoro di dover lasciare i bambini nei centri estivi. Molti genitori si sorprendono che il figlio, già inserito alla materna, possa avere delle crisi di pianto quando viene lasciato al centro estivo. Questo può succedere soprattutto se il centro estivo è un posto diverso rispetto alla scuola che normalmente frequenta il bambino e vale soprattutto per i bimbi più piccoli (tra i 3 ed i 6 anni). I bambini,soprattutto i piccolini, sono molto legati alle abitudini e alle maestre di riferimento se di punto in bianco vengono inseriti in un luogo nuovo,  con nuovi compagni di scuola e con nuove maestre è normale che si sentano spaesati e potrebbero esprimere con grida e pianti il loro disaccordo.  Cosa fare quando il vostro bambino palesa in tutti i modi che non vuole restare? Può capitare, come capita a scuola, che il bambino è stanco o semplicemente vuole stare con la mamma e quindi fa un po’ più di capricci. Lo so che è struggente vedere i proprio figlio disperato che non vuole entrare in un posto che noi pensavamo giusto per lui. Il problema è che se alla sua richiesta di andare via voi lo accontentate rinforzerete un comportamento e in quel centro estivo, molto probabilmente vostro figlio non vorrà andare più neanche in giorni successivi. Spesso sarà una crisi iniziale e una volta lasciato a scuola sarà tranquillo e si divertirà come gli altri bambini.

Ecco qualche consiglio per superare queste piccole crisi:

- Mantenere la calma. I bambini sentono i nostri stati d’animo, le nostre emozioni. Se ci vedono ansiosi saranno ansiosi anche loro, se ci vedono nervosi saranno nervosi. Se il bambino si butta a terra urlando disperatamente bisogna mantenere la calma e la fermezza. Mai gridargli addosso, sarebbe inutile. Cercate di pensare che il vostro bambino va li per socializzare, per comunicare e giocare. Non lo state portando in una prigione.

- Non dovete lasciare vostro figlio nella fase di piena  crisi. Non allontanatevi mentre sta piangendo disperato, prendetelo in braccio e tenetelo in un abbraccio che sia dolce e contenitivo.

- Allo stesso tempo parlategli con dolcezza. Se possibile restate un po’ li nella stanza con lui e andate via solo quando si sarà calmato.

- Quando il bambino torna a casa fatevi raccontare cosa ha fatto, mostrate interesse per i lavoretti che porta o per ciò che racconta.

 

Buon coraggio e buona estate!

 

Please reload

Recent Posts

Please reload

Archive

Please reload

Tags

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

 

+39 331 304 7805

via Lorenzo il Magnifico 42 Rome Italy 00162

©2017 by Dottoressa Xenia Sakoff. Proudly created with Wix.com