OVERPARENTING

November 2, 2017

Un nuovo termine entrato in voga ultimamente è quello dell’overparenting. Di cosa si tratta? Cos’è esattamente? Come si manifesta?

Con il termine di “overparenting” si descrive uno stile genitoriale eccessivamente protettivo. Una tendenza dei genitori a voler aiuta

 

re e difendere i figli il più possibile. Voi mi direte, “ma è del tutto normale per un genitore”. Qui stiamo parlando di una forma di ipercontrollo. Il bambino viene “rinchiuso” in una sorta di teca. Per evitare il fallimento questi genitori non fanno scegliere ai figli la loro strada, evitano che commettano errori. I genitori ipercontrollanti danno consigli ed istruzioni anche se non richiesti (“devi fare cosi” “ non si fa cosi…ma cosi..” ) o dicono come deve giocare, fare i compiti o studiare, fanno le cose al posto del figlio (per esempio tagliare la carne ad un ragazzo di 15 anni, finire i compiti che non ha fatto o fare le ricerche che doveva fare come compito), ancora prima che il figlio abbia avuto modo di fronteggiare la situazione problematica ne anticipano la risposta o la soluzione, non permettono al figlio di decidere (per esempio lo sport da giocare, la scuola da frequentare …), lo accompagnano ovunque con la macchina (anche dove potrebbe andare tranquillamente con i mezzi e da solo), vanno a discutere con gli insegnanti perché il figlio ha avuto una nota o un brutto voto ed esigono che questo venga tolto. L’insuccesso viene visto solo in maniera negativa, va evitato. Cosi facendo, però, si sbarra proprio la strada per il successo. 
È normale che un genitore voglia il meglio per il proprio figlio, ma spieghiamo perché questa forma di comportamento porta a danneggiare i nostri figli. Secondo vari studi un eccessivo coinvolgimento nella vita dei propri figli può generare in loro l’ansia. In uno studio del 2012 svolto nell’università di Macquarie in Australia è stato dimostrato che già a 4 anni i bambini con madri ansiose o ipercontrollanti davano segni di ansia. A 9 anni questi bambini avevano con maggiore probabilità rispetto agli altri una diagnosi clinica di disturbi di ansia. In un altro studio del 2013, pubblicato anche su Journal of Child and Family Studies è stato dimostrato che gli adolescenti i cui genitori erano ipercontrollanti avevano una diminuita soddisfazione verso la vita. 
Con l’overparenting che messaggio trasmettiamo ai nostri figli? I ragazzi cresceranno con una mancanza di fiducia nelle loro capacità. Il messaggio è che non sono competenti e quindi non sanno fare le cose da soli. Non avranno neanche una visione realistica della vita perché ci sarà sempre qualcuno pronto a prevenire le frustrazioni. Essendo eccessivamente presenti si rischia di impedire che nostro figlio sperimenti la gioia di ottenere qualcosa con le proprie forze, di sviluppare le abilità di problem solving lavorando sugli errori e di vedere il mondo con curiosità e voglia di scoprire.
L’insuccesso deve essere visto come un’esperienza di vita, è un’occasione per imparare, ma non solo, insegna anche ai nostri figli il potere della resilienza. I ragazzi devono imparare a fronteggiare da soli le difficoltà e cosi piano piano diverranno ancora più competenti. È utile anche dare loro delle responsabilità in casa e non fare tutto al posto loro. Le responsabilità ovviamente vanno date in base all’età e queste permetteranno loro di fare esperienze. Lodarli per i successi, ma anche ascoltarli e dare loro un feedback nei momenti di delusione e comunque complimentarsi per gli sforzi (anche se non riescono a fare qualcosa è importante che ci provino). Bisogna sempre essere presenti, ma al tempo 
stesso bisogna favorire la loro indipendenza.

Bibliografia:
- Ginott, Hayme. (1965). Between Parent and Teenager. New York: Three Rivers Press.
- Hudson, J. L., & Dodd, H. F. (2012). Informing Early Intervention: Preschool Predictors of Anxiety Disorders in Middle Childhood. PLOS ONE, 7 (8).

- Schiffrin, H. H., Liss, M., Miles-Mclean, H., Geary, K. A., Erchull, M. J., & Tashner, T. (2013). Helping or Hovering? The Effects of Helicopter Parenting on College Students’ Well-Being. Journal of Child and Family Studies, 23 (3).

Please reload

Recent Posts

Please reload

Archive

Please reload

Tags

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

 
  • Facebook

+39 331 304 7805

via Lorenzo il Magnifico 42 Rome Italy 00162

©2017 by Dottoressa Xenia Sakoff. Proudly created with Wix.com